sabato 7 dicembre 2019

La notte delle stelle, dei desideri…

una notte... una mano

La notte delle stelle, dei desideri…
Manca ormai veramente poco. Questi ultimi giorni, come mi aspettavo, sono volati. E’ così, come sempre, ogni volta. Le giornate così piene non ti danno il senso del tempo che passa. E che scorre veloce. Troppo veloce. E che vorresti fermare… Ripercorri con la mente i tanti momenti che hai trascorso qui, le tante parole, le immagini, le sensazioni. Su alcuni ti soffermi un po’ di più. Alcuni attimi, che rivivi così, come in quel momento.
Chiudi gli occhi e rivedi i sorrisi e gli sguardi dei tanti bambini. Senti ancora le loro mani che stringono la tua. La senti ancora, piccola e tenera, proprio com’era, quasi timorosa. Poi più sicura, decisa. Sentono che possono fidarsi. E in quel momento ti guardano, cercano i tuoi occhi, vorrebbero dirti tante cose. Anche tu vorresti dire loro tante cose.
E si crea una muta intesa, parole non dette che arrivano chiare. Non c’è bisogno di altro. E’ così tutto limpido. E da quel momento loro sono parte di te. E tu sei parte di loro. E’ vero, pochi giorni si trascorrerà con loro. Pochi giorni, poco tempo, è vero. Ma sufficiente a questi piccoli per capire e conoscere l’affetto, quello di cui un bambino ha assolutamente bisogno. Come l’aria che respira. E’ vitale. Per sentire il bene che viene dal cuore.
Per sentirsi voluti, desiderati, amati
. Sono ingredienti, questi, necessari, per formare una personalità equilibrata, sicura. Hanno vissuto troppo tempo in balìa di eventi devastanti. Soli e persi. Senza un riferimento, senza una casa, senza una famiglia, senza “una mano tesa”.
Ora qui all’Alice Village hanno un’opportunità. Importante, forse decisiva. E’ per questo che ogni tanto vengo qui, per questi bambini. E stare con loro è come stare con tutti i bambini del mondo. Quelli a cui è stata negata la normalità. Quelli che ti guardano per cercare un sorriso. Quelli che non vivranno mai la spensieratezza, la gioia dell’essere fanciullo. Quelli che l’adolescenza rischiano di viverla per strada, senza un futuro, senza una mèta, senza una storia. Bambini che non hanno un’età, un affetto, una casa. Bambini che non hanno una vita, che non ci sono, non esistono.

Sono sdraiato, è notte, guardo il cielo
. C’è qualche nuvola, ma c’è sempre anche qualche stella. E’ la notte giusta, quella delle stelle cadenti, la notte di San Lorenzo. Aspetto e fisso il cielo. Una stella cadrà. Ho solo un desiderio, mi può bastare una sola stella. Una sola scia di luce. Quella che mi farebbe chiudere gli occhi ed esprimere questo unico, grande, mio desiderio. Il cielo è gran parte coperto, ma una stella ci sarà! Vedo le nuvole correre. Che disegnano questo cielo d’Africa. Mio, sempre più mio.
Chiudo gli occhi. Allungo una mano, sento una stretta
. Lo sapevo, lo aspettavo. Ora è piccola la mia mano, come quella di un bambino. La mano che mi stringe è grande. E’ forte. Gli chiedo di non lasciarmi. Gli dico che ho un desiderio da esprimere. “Lo so” mi dice. E’ così, lui lo sa, lui c’è sempre, ogni volta che lo voglio. E sa ogni cosa di me. Forse sto volando, non ho la percezione del corpo. Solo una mano che stringe la mia.
E sono tranquillo, sereno, sto bene. Qualche istante, lungo. Un tempo giusto. Poi sento la mano che si allenta. Apro gli occhi, guardo il cielo. Una stella è caduta, la sua scia ha illuminato il cielo. Ne sono certo. Penso ai bimbi, assorti nei loro sogni, quelli che, nessuno, potrà mai loro sottrarre. Prendo le ginocchia tra le mie braccia, mi rannicchio, mi stringo.
Un desiderio, solo uno. Che vola alto. Che arriva là.
Là, dove c’è una mano tesa, sempre, ogni volta che allungo la mia
.

©Roberto Rossi Rossi

Visualizzazioni: 727
©Roberto Roby Rossi Olbia - Sardegna rssrrt62m02d150b - cronaca@robyrossi.it - cell. 349.8569627 - skype - robyrossi62 - http://facebook.com/robyrobyrossi - twitter - @robyrossirob
powered by Infonet Srl Piacenza
Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK
- A +