domenica 17 febbraio 2019

viaggio nel Mali

viaggio nel Mali
Una delle più autorevoli guide descrive il Mali come “il gioiello sulla corona dell’Africa occidentale”. Niente di più vero. Questo è un paese che racchiude in sé tutti gli ingredienti per un’esperienza unica, capace di stupire anche il viaggiatore che ha raccontato, nel proprio taccuino, tutte le capitali del mondo. Il Mali è al centro di un territorio che parla di un passato glorioso, che narra di uno dei più grandi imperi dell’Africa.
Nel nostro itinerario, disegnato e studiato con il supporto di un estimatore e forte conoscitore di quella terra, Fulvio Biondi, toccheremo quelle città che hanno fatto grande la storia di questi popoli e dormiremo anche in tenda lungo il corso del grande fiume Niger, per coglierne tutti i suoi respiri, quelli di una natura che convive in piena armonia con l’uomo, come in pochi altri luoghi al mondo. Una natura che si tinge di ogni colore, come fosse riconoscente del bene ricevuto, come volesse regalare momenti di gioia, visioni di beltà.
Guardando la cartina si nota quanto, il Mali, sia suggestivo già nei suoi confini. Tocca, con tutte le curvature, da ovest a est il Senegal, il Gambia, la Guinea, la Costa d’Avorio, il Burkina Faso, per poi salire a nord con tratti dritti e precisi, come tirati con un righello, dovuti dal deserto del Sahara, che divide con il Niger, l’Algeria e la Mauritania.
Il deserto e il grande fiume, sono questi i protagonisti e gli elementi che hanno determinato la storia e la ricchezza di questa terra. E che hanno tracciato il profilo di un popolo ricco di culture e di tradizioni, dai nomadi tuareg alle comunità bozo, dai fula ai dogon, tutti accomunati da una profonda fede animista, che non è stata intaccata nemmeno dall’invasione musulmana, che è oggi quasi il 90% della popolazione, mentre solo il 2% è cristiana.
Sarà però l’amico e guida dogon Mabò a spiegarci che quelli sono mutamenti avvenuti nella società solo con l’arrivo di altre culture, di altre genti, ma che il popolo maliano è interamente animista, al 100%. Andrà oltre Mabò, cercando di convincerci che l’intero popolo del mondo è animista, parlandoci del rapporto che i nostri antenati avevano con gli elementi della natura, con i simboli, gli animali e lo ascolteremo con tanto interesse, perdendoci qualche passaggio, laddove il bambarà, la lingua locale, ha la meglio sul francese.

©Roberto Roby Rossi
Pagina 1 di 2   
  • Reportage dal Mali sulle pagine del quotidiano Libertà
    scarica i pdf delle uscite su Libertà che raccontano il viaggio nel Mali, il racconto di un paese straordinario in un diario pubblicato su Libertà, un progetto voluto dal direttore generale Gaetano...
    Pubblicata il:12/01/2016
  • oltre 12 ore di jeep per 510 km
    una sveglia di prima mattina per la trasferta che andremo ad affrontare, particolarmente lunga ed impegnativa, che ci conduce dalla capitale Bamako a Djennè, direzione nord est...
    Pubblicata il:09/01/2016
  • prima tappa a Sevarè per un saluto all’amica particolare...
    caotica città di oltre 100mila abitanti, dove comanda l’industria del turismo, organizzato così, come viene, una miriade di guide, venditori di artigianato, procacciatori di clienti, proprietari di...
    Pubblicata il:09/01/2016
  • un’esperienza unica, inimitabile, la traversata del Niger
    la sensazione è strana, sembra di vivere fuori dal corpo, unirsi all’acqua e diventare un solo elemento. Oppure disperdere la propria materia nell’aria e diventare aria, acqua e aria...
    Pubblicata il:09/01/2016
  • tappa finale del lungo Niger, il porto di Timbuctù
    3 giorni di pinasse hanno lasciato il segno, le notti trascorse in tenda lungo il Niger non hanno portato riposo e sono le 2 del pomeriggio quando arriviamo a Korioumè, il porto di Timbuctù...
    Pubblicata il:09/01/2016
  • Kalil Baber, un tuareg puro
    28 anni e da oltre dieci guida turistica, colore della pelle più chiaro del nero maliano, così come sono i tuareg, Kalil è tra le più qualificate guide di Timbuctù, come ci avevano detto...
    Pubblicata il:09/01/2016
  • meta di grandi viaggiatori
    ci sono alcuni luoghi al mondo che sono nell’immaginario di ognuno di noi, non sappiamo bene, o per niente, dove si trovino, in quale parte del pianeta, a quale latitudine, però il nome ricorre...
    Pubblicata il:09/01/2016
  • tra tende, capanne di fango, luce abbagliante e sabbia...
    la storia racconta che su quest’area giunsero nomadi tuareg per un accampamento stagionale e l’organizzazione del villaggio fu affidato ad un’anziana della tribù, il suo nome era Bouctou, in lingua...
    Pubblicata il:09/01/2016
  • “Maintenant tu est plus african”
    “Maintenant tu est plus african” mi dice sorridendo Patrick, il giovane dottore che mi ha appena diagnosticato il paludism, la malaria, e che per debellarla mi prescriverà 14 pastiglie giornaliere...
    Pubblicata il:09/01/2016
  • 5/6 ore di camminata al giorno su e giù per la falesia
    un costone roccioso che attraversa il Sahel per circa 150 km. e che si erge fino a 250 mt. di altitudine, proprio lì, sopra e sotto, vive l’affascinante popolo dei dogon...
    Pubblicata il:09/01/2016
  • l'incredibile terra dei Pays Dogon
    giorni intensi, pieni di emozioni, a scambiarci sorrisi e abbracci come di fa con vecchi compagni di giochi, amici d’infanzia... in questi villaggi carichi di un’atmosfera particolare, le ore scorr...
    Pubblicata il:09/01/2016
  • 2009 è Mali
    capita così, involontariamente... le cose vanno come devono... inutile opporsi... e a volte vanno meravigliosamente...
    Pubblicata il:08/01/2016
  • nel Mali con Ali 2000, associazione con sede a Piacenza
    Conosco quest’associazione da un’amica, un pomeriggio, due chiacchiere mentre beviamo una birra in un bar. Il giorno dopo ero già al telefono con Fulvio, un piacentino che conduce un’attività...
    Pubblicata il:08/01/2016
  • racconta del secondo paese più povero al mondo
    È una mattina leggermente piovosa, l’appuntamento è nella capitale Bamako per le 10, presso la sede del consolato, una vecchia casa che si erge in prossimità del fiume Niger...
    Pubblicata il:08/01/2016
  • parla di solidarietà, di fratellanza, di accoglienza
    “La mia prima volta in Mali – spiega Fulvio – è nel 2002 per un viaggio essenzialmente di piacere e curiosità... mi ero aggregato al gruppo fondatore di Alì 2000, del quale facevano parte alcuni...”
    Pubblicata il:08/01/2016
Pagina 1 di 2   
©Roberto Roby Rossi Olbia - Sardegna rssrrt62m02d150b - cronaca@robyrossi.it - cell. 349.8569627 - skype - robyrossi62 - http://facebook.com/robyrobyrossi - twitter - @robyrossirob
powered by Infonet Srl Piacenza
Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK
- A +