mercoledì 22 febbraio 2017
  1. emozioni in viaggio
  2. una montagna di vita
  3. sognando Pace e Amore
  4. reportage dall'Africa nera
  5. voci da Cernobyl
  6. sorrisi e mani...
  7. l'ultimo paradiso Hippie
  8. Roby Rossi Vissi di Viaggio

Home Page

giornalismo on the road


"Devo partire, devo andare...
un ritornello che ricorre in me.

Lo faccio quando mi sento libero, da me, dagli altri, da tutto. Serve sentirsi così, ogni tanto, spesso possibilmente. Libero. Momenti in cui la mente va, parte anticipando il corpo, per ritrovarsi là, dove stare un pò, con se stessi. E con chi già è là. Con chi troverai e dividerai una parola, una passeggiata, una birra, uno sguardo, un sorriso. Liberi dalle oppressioni, dai pensieri, dalle gabbie.

Trovo che viaggiare è come una cospirazione di percezione e fantasia… ma questo devo averlo già letto da qualche parte. Ma vabbè, me lo faccio mio.
Dentro di noi portiamo le meraviglie che cerchiamo al di fuori di noi, affermava Sir Thomas Browne in l’Africa e i suoi prodigi, e dentro di me c'è molta Africa, l'Africa nera. Credo che dentro di me porto quelle meraviglie di cui vado in cerca, come scriveva Browne. E', in fondo, la ricerca di sè stessi, di ciò che abbiamo di grande, ma che non spesso ignoriamo. Un vero spreco. Si, perchè quando il mondo sembra destinato ad esaurirsi, i nostri viaggi sono la salvezza, e se vogliamo, non si esauriranno mai.

I lidi più lontani – ho letto da qualche parte – sono dentro la persona addormentata al nostro fianco”. Viaggiare è mettere la sveglia a quel sonno, a quelle abitudini che meccanizzano la nostra vita, che la svuotano di ogni senso. Ecco perché trovo assai saggio sfidare il noto e andare verso l’ignoto. Perché tiene agile la mente, uccide il pregiudizio e incoraggia l’ottimismo. E sul grugno fa vincere il sorriso.

Gli aborigeni australiani sono coloro che si liberano del passato e vivono l’oggi per il domani, i monaci buddisti sono spesso vagabondi perché credono nella necessità di rimanere svegli. Gli iconoclasti credono nella propria strada, senza preconfezioni, senza preparati.
Ed è così che mi sento un po’ aborigeno, un pò monaco buddista, un po’ iconoclasta.

E se viaggiare è un pò come amare, è perché sperimentiamo uno stato di accresciuta consapevolezza, quello dentro il quale siamo attenti, ricettivi, pronti a farci trasformare.

Ed è per questo che i grandi viaggi, come le grandi storie d’amore, non hanno mai la parola “fine”.

©Roberto Roby Rossi

  
feed rss News  News
L’essenziale è non vivere invano
una denuncia forte scritta su un foglio è ciò che resta, prima del suo ultimo estremo atto. "Perchè" è la domanda che ci si deve porre, e "a cosa davvero può servire?"... ...
Pubblicata il 13/02/2017
E poi le Poste funzionano male...
Chi sia angelino alfano lo sappiamo, ahimè, tutti. Che abbia una faccia da pirla mista deretano, tale da consentirgli di (s)governare il nostro povero paese prima con mr. B poi con l’allocco defen ...
Pubblicata il 26/01/2017
Vaccini e Allarme Meningite: la verità? Arriva da lontano...
il giro d’affari delle aziende farmaceutiche nel mondo nel 2016 corrisponde a circa 1.114 miliardi di dollari dei quali oltre il 30% è nelle mani di 10 aziende ...
Pubblicata il 02/01/2017
Astamblam - la conta
Astamblàm femini cutàn Gali gali gan Sticche stuc Maringut... Chi non l’ha mai sentita, alzi la mano... e nella platea nessuna mano si alza... Alzi la mano chi non l’ha mai recitata... ...
Pubblicata il 30/12/2016
Gli (s)laureati
Valeria Fedeli è l'ultima, ma la serie è ampia, almeno di quelli che si sono voluti smascherare, poi chissà quali altri si celano sotto mentite lauree... Giannino, Santanchè, Crosetto, il Trota ...
Pubblicata il 15/12/2016
©Roberto Roby Rossi Olbia - Sardegna rssrrt62m02d150b - cronaca@robyrossi.it - cell. 349.8569627 - skype - robyrossi62 - http://facebook.com/robyrobyrossi - twitter - @robyrossirob
powered by infonet srl piacenza
Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK
- A +