martedì 20 agosto 2019

viaggio in Uganda

viaggio in Uganda
Reportage dall'Uganda

Tante volte non c’è risposta ad alcuni “perché?”. Oppure potrebbero essere così tante le risposte che è come non ce ne fosse nemmeno una...

Tante volte non c’è risposta ad alcuni perché? Oppure potrebbero essere così tante le risposte che è come non ce ne fosse nemmeno una. Oppure spesso sono risposte che non si devono dare per non banalizzare una propria scelta, intima, personale. Quante persone e quante volte mi sono sentito chiedere perché? Solo a pochi, pochissimi, ho cercato di spiegare perché.
Non è facile. Neanche un po. Ogno volta devi entrarti dentro, parlare di cose che anche a te stesso raramente ti sei detto. Andando in profondità, scavando nella memoria, nei ricordi, superando a fatica quegli ostacoli che inevitabilmente la mente ti frappone. Per tutelarti, per salvaguardarti da scomode verità, da eventi rimossi, da momenti apparentemente cancellati, morti. Che morti non lo sono. E non lo saranno mai.
Certe scelte di vita sono indispensabili alla propria sopravvivenza, per tagliare con il passato, per cambiare, per ricominciare. E ripartire sul pulito, come se nulla fosse mai stato.
Sono decisioni sofferte, nella testa, nello stomaco. Entri ed esci, dal bene, dal male. In un ossessivo moto altalenante, che ti porta su, che ti ricaccia giù. Ma ciò che ti porta su, che ti fa fare pace con il mondo, che ti fa toccare il cielo con un dito, sono cose nuove, diverse, o che cambiano. Ciò che ti ricaccia giù no, è immutabile. Quello non cambia. Prova a raggirarti, ad ingannarti, a camuffarsi. Cambia aspetto ogni volta, si presenta sotto mentite spoglie. Ma non cambia mai, in realtà. La sostanza è quella. Ciò che ti ricaccia giù è sempre, immancabilmente, la stessa cosa: la paura, le tante paure…
Retaggi di un passato sempre troppo presente. Che limita le scelte di ogni giorno, che pregiudica fortemente il futuro. Si capisce con il tempo, se lo si vuole capire. Oppure non lo si capisce mai.
Si chiudono gli occhi davanti ad una montagna e si dice che la montagna non c’è, non esiste montagna. Si girano le spalle e si ritorna indietro. A volte invece, per fortuna, no. Si aprono gli occhi di fronte alla montagna, quella montagna che intimorisce da morire, che fa tremare le gambe, che sovrasta. Ma decidi di affrontarla, di giocartela, di cercare di vincerla. E quando decidi così hai già vinto.
Il tuo cammino è iniziato, guardando davanti a te, mai indietro. E la memoria che riporta a galla sistematicamente le ansie, i timori. Memoria di un passato. E che, in quanto tale, non è più, non fa più parte di noi. Di noi oggi. Di noi oggi fanno parte i nostri nuovi piaceri, i nostri nuovi amori, i nostri nuovi interessi. Che possono essere gli stessi di sempre, ma che sono nuovi ai nostri occhi, alla nostra mente. Ora pulita, che vede ciò che è. Che possiamo accettare o rifiutare, con la serenità di una consapevolezza.
La vita di ognuno di noi è un viaggio. Attraverso emozioni e sensazioni. Ogni viaggio, come diceva un narratore, si fa per tornare, ogni partenza è per ritrovarsi. Ecco il motivo per cui non so e non voglio rispondere ai perché?
Racconterò piuttosto di ogni giorno le esperienze. E parlerò con il cuore delle cose che al cuore mi avranno colpito. Racconterò di questi luoghi, di queste genti, di questa Africa. Con la serenità di chi sta facendo esattamente ciò che desidera fare, per sé e per chi potrà trarne anche il più piccolo beneficio. Piccolissimo, minimo. Che potrebbe essere chiuso dentro anche un solo semplice sorriso. Quello di un bimbo, di una donna, di un uomo. Un sorriso di simpatia, di complicità, magari di speranza. Questo racconterò, forse di qualche sorriso, di questa mia Africa, libero e senza pudore, senza timore. Scriverò ogni giorno dall’Uganda per chi vorrà leggermi, per chi vorrà seguirmi.
scarica pdf La Cronaca


©Roberto Roby Rossi

per leggere il reportage dall'Uganda attraverso il web apri le schede qui sotto
per leggere il reportage dall'Uganda dalle pagine del quotidiano La Cronaca clicca qui
Pagina 1 di 2   
  • All'ospedale della morte
    Moroto 23 luglio 2007
    l’Uganda si regge su un sistema fortemente corrotto, comandato dai soliti ricchi del paese. Niente di nuovo, è vero. Un deja vù che accomuna il pianeta terra...
    Pubblicata il:13/01/2016
  • Viaggio a nord verso i Tepaz
    Moroto 24 luglio 2007
    l’ospedale di Moroto ha accompagnato le mie solite poche ore di sonno. Una notte tormentata da immagini di pura follia, da urla di disperazione. Eravamo li, io e i miei compagni di viaggio, ieri...
    Pubblicata il:13/01/2016
  • Uganda, la democrazia che non c'é
    Moroto 25 luglio 2007
    conosciamo un po di storia recente del Karamoja e dell’Uganda, una storia che fa seguito alla cessazione del protettorato britannico, nel 1962, quando termina la legislazione di distretto chiuso...
    Pubblicata il:13/01/2016
  • Africa - l'altra tua metà
    Moroto 26 luglio 2007
    il tempo è trascorso, come capita nelle cose più belle, troppo velocemente. Pare essere qui solo da ieri. Le cose viste, le cose fatte, le emozioni provate ci hanno travolto ad un ritmo incalzante...
    Pubblicata il:13/01/2016
  • Karamoja, cosa si vuole fare?
    Moroto 27 luglio 2007
    da queste parti vivere alla giornata è già un lusso, qui si vive all’ora, al minuto, al secondo. Questo è uno dei paesi al mondo dove il tasso di mortalità infantile è a livelli topici, 137 su 1000...
    Pubblicata il:13/01/2016
  • Monte Moroto poi Lima, al campo profughi
    Moroto 28 luglio 2007
    ieri è stato il giorno dei saluti e degli arrivederci. Ci ritroveremo sicuramente con Lavinia, ci ritroveremo, forse con Sara, con Cristiano, con Erica, con Adelmo, Franchina, Ersilia...
    Pubblicata il:13/01/2016
  • La fine di una viaggio, un nuovo inizio
    Kampala 4 agosto 2007
    Ultima tappa di trasferimento per Kampala. Un gallo decisamente sfasato e una levataccia necessaria per essere in serata a destinazione, dopo la tappa al Parco Nazionale Marchison Falls...
    Pubblicata il:13/01/2016
  • ci siamo, è ora di Uganda
    E’ mercoledì 11 luglio, ore 10,30. Si parte.
    gli ultimissimi preparativi, i saluti e le raccomandazioni di chi ci ha accompagnato... nella nostra testa solo una parola: Karamoja, la Regione più disperata dell’Uganda...
    Pubblicata il:12/01/2016
  • Kampala, poi domani sarà Karamoja
    Kampala (Uganda) 13 luglio 2007
    Quella odierna sarà quindi una giornata di decompressione, tra il viaggio di ieri per giungere in Uganda e il trasferimento di domani, per il quale si prevedono circa dieci ore di corriera...
    Pubblicata il:12/01/2016
  • Destinazione Karamoja
    Kampala 14 luglio 2007
    ...domani non so che faremo, ma siamo qui, in mezzo alla gente che volevamo incontrare. La gente di quest’Africa che ha tante cose da dirci…
    Pubblicata il:12/01/2016
  • Primo giorno in Karamoja
    Moroto 15 luglio 2007
    la mattina si svolge dentro il centro, dove da venerdì è in corso una cerimonia che si conclude proprio quest’oggi, organizzata dal centro pastorale giovanile diocesano...
    Pubblicata il:12/01/2016
  • Karamoja, eppure i bimbi ti sorridono
    Moroto 16 luglio 2007
    la notte ha portato un sonno agitato, scosso dalle visioni del giorno precedente, dalla città di Moroto, un insieme di baracche, dalle impossibili condizioni di vita di questo popolo...
    Pubblicata il:12/01/2016
  • Negli occhi dei bambini il dramma
    Moroto 17 luglio 2007
    i bambini chiedono le tam tam, gli adulti chiedono soldi... all’interno dei villaggi chiedono anche vestiti. Spesso hanno addosso solo qualche straccio. Altre volte nemmeno quello...
    Pubblicata il:12/01/2016
  • Padre Gostoli: 50 anni d'Africa
    Moroto 19 luglio 2007
    “I karamojong sono il popolo più povero del mondo” è quel che ci dice Padre Gostoli, ottantatre anni, cinquanta dei quali in Africa, compiuti nel 2006, qui, tra la gente più povera del mondo...
    Pubblicata il:12/01/2016
  • Franchina a Loputuk, festa e cibo per tutti
    Moroto 18 luglio 2007
    al Centro di sviluppo multisettoriale di Loputuk, Franca ha organizzato un pranzo con fondi da lei stessa raccolti; volontaria di Cooperazione e Sviluppo Franca è con noi al centro di Moroto...
    Pubblicata il:12/01/2016
Pagina 1 di 2   
©Roberto Roby Rossi Olbia - Sardegna rssrrt62m02d150b - cronaca@robyrossi.it - cell. 349.8569627 - skype - robyrossi62 - http://facebook.com/robyrobyrossi - twitter - @robyrossirob
powered by Infonet Srl Piacenza
Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK
- A +