domenica 20 maggio 2018
  • » News
  • » Astamblam - la conta

Astamblam - la conta

quando giocavamo nei cortili

Astamblam - la conta

Astamblàm
femini cutàn
Gali gali
Sticche stuc
Maringut

Chi non l’ha mai sentita, alzi la mano... e nella platea nessuna mano si alza.
Alzi la mano chi non l’ha mai recitata... qualcuno esita, fa per alzare la mano, si guarda attorno e decide di tenerla giù.
Bene, di cosa si tratta? Brusìo e sorrisi. È evidente, tutti lo sanno che è una “conta” e forse qualcuno, magari proprio uno di quelli che prima avevano esitato, si rivede là, “giù in cortile”, dentro nel cerchio, proprio nell’attimo in cui la penultima sillaba è passata!

E il pensiero corre a “Fiuuuuuu... scampata bella, tocca a un altro stare sotto”.
Oppure “noooo, mi tocca avere in squadra quella schiappa!!!
E si partiva per la nuova partita di calcio, chiassosa come poche altre cose, agguerrita come la finale dei mondiali, sudata come le famose “sette camicie”.
Oppure si iniziava a scappare perchè il “ce l'hai” scattava subito, o ancora si cercava il nascondiglio più originale per non venire colto da un “tana Mario dietro la macchina”, oppure si partiva per una guardiaeladri interminabile.
Insomma, tutto partiva da una “conta”.

Un momento di particolare tensione perchè determinava, per quel momento, la nostra sorte.
Tutto iniziava con le precise e insostituibili parole “facciamo la conta”... e si partiva...

Astamblàm
femini cutàn
Gali gali gan
Sticche stuc
Maringut

La “conta“, una di quelle cose che rimangono fisse nella memoria, tanto da tornare con la mente a precisi episodi, alcuni che ci avevano visti fieri ed orgogliosi, altri mortificati da un'onta pazzesca!

Ma da dove arriva sta benedetta “conta”? Quali origini può avere un astamblam etcetc...?
Pare che la sua diffusione abbia interessato prevalentemente il nord Italia e che una delle sue varianti, recita:
Am stram gram/? Pique et pique et colagram/
Bourre et bourre et rataplam/?
Am stram gram?/
Pique dame.

Andiamo alla ricerca allora di qualcosa che può avere origine in Francia. Cosa di meglio che Wikipédia francese? Ed eccola là che quasi impeccabilmente lei, Wikipedia, risponde “presente”!
E ne propone due differenti interpretazioni: una è la deformazione fonetica di un’antica conta tedesca con primo verso enumerativo (Ein, zwei, drei…), l'altra è la persistenza di un incantesimo sciamanico di origine nordica, utilizzato dai Franchi nelle veglie funebri.


Sarà, ma a questo punto mi sembra giusto proporre anche l’interpretazione che ne ha dato alcuni anni fa l'amico Giorgio, musicista ed etnomusicologo di Parma.
A precisa domanda, Giorgio risponde con preciso comando “prendi quel vecchio quaderno che vedi lì”, mi dice.
Prendo, apro con la stessa cura che si può usare nel manovrare una preziosa reliquia, e leggo i suoi appunti.
La ricerca che mi incuriosiva l'aveva fatta Giorgio 20anni prima. Sfoglio, leggo, cerco una risposta. Che non esce. “Non esistono dati certissimi, né nella mia ricerca, né in quelle di cui sono venuto a conoscenza” mi spiega Giorgio. Quindi dibattiamo e ci interroghiamo.

Nonsense o deformazione fonetica? Nel primo caso, cercare di capirci qualcosa sarebbe solo una perdita di tempo, ma se fosse una deformazione fonetica, da quale lingua? La chiave linguistica viene da due osservazioni: le parole tronche della filastrocca e l’esistenza della conta quasi gemella d’oltralpe: quindi pazienza, intuito e un vocabolario di francese.

Astamblàm – Asta m blam – Ast am blam – Hastes en blanc, cioè “Lance (picche) in bianco”, ove bianco sta per splendente, brillante, scintillante, dal tedesco blinken da cui anche l’espressione “arma bianca”; quindi Hastes en blanc = Lance sfoderate; Femini cutàn – femi ni cutan – femme ni coûtentes = femmine gratis e poi... ecco cosa risulta:

Astamblàm Hastes en blanc, Aste sfoderate,
femini cutàn femmes ni coûtentes! Femmine gratis!
Gali gali gan Galli, galli, gà, Cavalca, cavalca,
Sticche stuc […] stik et stud […] canna e monta
Maringut m’arén, goût cedo, godo!

Ahi, ahi! Si tratta di un testo osceno. E questa constatazione ci porta già in una dimensione originaria distante dal mondo infantile: l’infanzia ha il gusto della parolaccia, del volgare, del parlar basso, mai dell’osceno. L’ambiente è chiaramente militare, l’epoca è quella in cui circolavano nel Nord Italia truppe francofone e in cui poteva avere ancora un significato corrente l’espressione “in bianco” per indicare la lama sguainata (il ‘500?).

Era un canto delle truppe? Sostiene di no Giorgio, anche se gli esempi di canzoni militari oscene straniere deformate in filastrocca non mancano, esempio ne è “Libelole” cantata fino a pochi decenni fa dai bambini di un asilo della provincia, derivata da una molto esplicita “Liebe Lole” di origine svizzera. L’Astamblàm non poteva essere proprio un canto perchè manca di una melodia precisa ed è giocato solo su due tonalità. Sembra più il grido di un imbonitore. Dato l’ambiente, perché non pensare al grido del ruffiano al seguito dell’esercito, per pubblicizzare la propria “merce”?

Quante supposizioni, quante teorie. E nessuna certezza.
Certo è che da una di queste probabilità deriva l'Astamblan dei cortili, la “conta”. Pensare che dall'ambiente militare sia stato adottato in ambito giocoso non deve fare poi così specie, anzi. Nelle caserme c'è sempre da scegliere qualcuno per una corvé sgradevole o per una missione rischiosa, e in quest’ultimo caso l’osceno ha spesso una funzione apotropaica. Da qui a passare al mondo infantile ci vuole poco, magari per un papà che l'ha scherzosamente portata in casa sui figli per decidere a chi toccava fare il bagno per primo, o per chi doveva scendere a prendere la legna, oppure per stabilire l'ordine settimanale nell'aiutare mamma a fare le pulizie...

Poi deformata foneticamente dai bambini italiani, oppure appositamente mascherata dagli adulti, il canto militare francese diventa la “conta” dei cortili degli anni del lontano boom economico... già, il boom economico... ma questa è un'altra storia (cit. Carlo Lucarelli).

©Roberto Roby Rossi



Visualizzazioni: 620
©Roberto Roby Rossi Olbia - Sardegna rssrrt62m02d150b - cronaca@robyrossi.it - cell. 349.8569627 - skype - robyrossi62 - http://facebook.com/robyrobyrossi - twitter - @robyrossirob
powered by Infonet Srl Piacenza
Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK
- A +