domenica 20 maggio 2018
  • » News
  • » Vaccini e Allarme Meningite: la verità? Arriva da lontano...

Vaccini e Allarme Meningite: la verità? Arriva da lontano...

dal business dei vaccini all'imbottire di farmaci i sani...

Vaccini e Allarme Meningite: la verità? Arriva da lontano...
Un tema di stretta attualità, come ci ricordano giornali e Tv e media in questi ultimi giorni è l'“Allarme meningite" che sta procurando decessi in continuità, terrorizzando l'interno paese, e soprattutto chi non sceglie migliori fonti di informazioni per capire cosa si cela dietro questo martellante messaggio mediale.  
La prima domanda da porsi dovrebbe essere: da chi arrivano queste informazioni? La seconda: sono credibili queste informazioni? 
Risposta alla prima domanda: queste informazioni arrivano dai media di massa, ovvero emittenti Tv e radio, stampa, sostenuto da AIFA, Ministero della Salute e svariati ordini dei medici. 
Risposta alla seconda domanda: sono credibili tanto quanto uno spot pubblicitario, poiché questi apparati sono sostenuti dal denaro dell'industria farmaceutica mondiale. 
La storia dei vaccini è lunga, sofferta e controversa. In Italia e nel mondo. Studi specifici circa gli effetti portati dai vaccini dimostrano tutto e il contrario di tutto. 
roby rossi magazine news giornalismoSostenere una ragione, in tal senso, significa ignorare teorie e prove che dimostrano la tesi avversa. Purtroppo, al termine di una disquisizione pro e contro, è necessario rilevare che il partito del “NO al vaccino” ha una visibilità ed una capacità di portare a conoscenza le proprie ragioni infinitamente inferiori di chi invece è a favore del vaccino. 
Questa par condicio tradita solleva moltissime perplessità, o meglio, dovrebbe farle sorgere in chiunque abbia a cuore la verità delle cose. Purtroppo, consapevoli che l'informazione determina le nostre scelte e la nostra vita, e che essa è nelle mani di chi detiene il potere economico, il passo è assai breve per giungere alla triste conclusione che il “bene vero” per la nostra salute non lo conosceremo mai. 
Tutto passa inevitabilmente attraverso il business, ed è noto come l'industria farmaceutica rappresenti una delle potenze mondiali più spietate, capace di ammalare prima, e guarire (forse) poi, l'intera umanità. 
Le multinazionali della medicina si muovono esattamente come l'industria dell'informatica, dove quest'ultima ammala i nostri personal computer e pc portatili, tablet e smartphone, attraverso virus che le aziende del settore propagano in rete, quelle stesse aziende che hanno già predisposto un determinato software che ti vendono per guarire il tuo strumento, fisso o mobile che sia. 
virus dell'industria farmaceutica invece si propagano diversamente, ad esempio attraverso l'alimentazione, con prodotti di bassissima qualità che contengono sostanze nocive all'organismo, vestiti di un gusto piacevole al palato, quando va bene, oppure, in altri casi, dotati di ingredienti che determinano dipendenza. 
Questo sta nella norma. Come nella norma sta l'informazione pilotata, spesso falsa, sempre funzionale ai grandi poteri. 
Migliaia di documenti che attestano l'inutilità dei vaccini, ma anche il danno che possono portare all'organismo umano, viaggiano solo sul web, senza mai trovare quei media imbavagliati, soggetti a logiche economiche, ma capaci di raggiungere il grande pubblico. 
Sono milioni le persone che guardano la Tv, milioni che ascoltano emittenti radiofoniche, milioni che leggono il giornale. Sono milioni, per la verità, anche coloro che stanno sul web, ma per distrarli, per portarli altrove, ecco che è stato dato loro lo strumento capace di creare dipendenza, quei social attraverso i quali ogni essere umano è capace di offrire il peggio di sé. Pedofilia e pornografia viaggiano che è un piacere, con il benestare della politica e per la gioia di chi vende morte, dalle industrie farmaceutiche alle industrie delle armi e della guerra, consapevoli che la bassezza del genere umano sceglierà di masturbarsi davanti al computer piuttosto che andare alla ricerca delle verità nascoste. Questo, passatemelo, è solo una banale sintesi del fenomeno "social", poichè a determinare la sua esistenza stanno ragioni e logiche di grandissima importanza, previsto e sceneggiate da George Orwell nel capolavoro "Il Grande Fratello". 

Tornando al tema in oggetto anche un organo statunitense di grande importanza, il CDC (Center for Disease control and prevention) che opera per la prevenzione e il controllo delle malattie e della sanità pubblica degli Stati Uniti d'America, ha recentemente dichiarato in un comunicato ufficiale che “...il vaccino utilizzato quest'anno (2014) non è servito a debellare i virus in circolazione in quanto non adatto a contrastare le influenze circolanti se non in minima parte, quindi i vaccinati sono esposti come i non vaccinati al rischio influenza”. E questo solo per fare un esempio, considerando che il CDC è un organo anch'esso pilotabile e pilotato, che non ha potuto però, nel caso specifico, negare l'evidenza dei fatti. Il trucco tuttavia sta semplicemente nel mantenere di bassissimo profilo questa dichiarazione, la quale non ha trovato ovviamente spazio sui mezzi di comunicazione di massa LEGGI QUI

Roby rossi magazine news giornalismoChi si oppone e porta informazione e documentazione avversa a questo business non ha vita facile, come il caso di Andrew Wakefield, il gastroenterologo condannato e radiato (LEGGI QUI) o come la deputata Maloney che, negli USA, si è vista bocciare alla nascita la sua proposta di legge che riguardava lo Studio sullo stato di salute fra bambini vaccinati e non vaccinati (disegno di legge 3069) LEGGI QUI

Inoltre c'è anche l'edizione francese n. 84 di Nexus (bimestre Janvier-Fevrier 2013) che titola “La scomparsa di malattie infettive non è dovuta a vaccini”, a portare dati inequivocabili di come le epidemie più devastanti si siano dissolte senza alcun vaccino (PDF).  

Il giro d’affari delle aziende farmaceutiche nel mondo nel 2016 corrisponde a circa 1.114 miliardi di dollari, con la peculiarità che oltre il 30% di tale iperbolica somma è nelle mani di sole 10 aziende. I tassi di crescita di queste aziende hanno registrato numeri inimmaginabili per qualunque altro settore dell'industria, come l'americana Gilead Sciences che nel 2015 ha visto crescere del 31% il suo fatturato, mentre la francese Sanofi, per parlare di casa Europa, ha registrato un +8,99%. Entrambe investono circa il 10% del fatturato in ricerca, tanto quanto investono in promozione e comunicazione (nella media delle concorrenti). Un dato che, anche questo, dovrebbe fare riflettere LEGGI QUI.

Insomma, pensare di portare una parola definitiva sulla diatriba “vaccino si vaccino no” non era ovviamente nelle intenzioni di questo pezzo, che ha invece solo la piccola pretesa di destare qualche sospetto circa questi periodici “Allarmi malattie” e stimolarvi nella discussione di “cosa nasconde questo terrorismo mediatico a tempo”. 
Spiacente, ma chiudo con un allarme che invece sollevo io, da un pezzo tratto dall'house organ “E” di Emergency, che illustra la nuova bella idea delle big pharma, dal titolo “imbottire di farmaci i sani...LEGGI QUI

Ad malora. 

©Roberto Roby Rossi



Visualizzazioni: 569
©Roberto Roby Rossi Olbia - Sardegna rssrrt62m02d150b - cronaca@robyrossi.it - cell. 349.8569627 - skype - robyrossi62 - http://facebook.com/robyrobyrossi - twitter - @robyrossirob
powered by Infonet Srl Piacenza
Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK
- A +